Curriculum

il metodo riabilitativo

 Durante questi anni di attività lavrativa ho sviluppato un metodo molto personale che è il frutto della mia esperienza sul campo ma anche dell’approfondimento di metodiche fisioterapiche e dello studio della letteratura scientifica che è alla base della pratica riabilitativa. Questo modus operandi mi permette di ottenere ottimi risultati in tempi relativamente brevi e di rendermi conto immediatamente se  c’è qualcosa che limita la guarigione corregendo il tiro. Vedo tantissimi pazienti che vengono da me dopo essere già stati altrove e dopo aver già fatto cicli da 10- 20 sedute senza risultato: per me questo è impensabile!! Il metodo consiste in punti:

1. VALUTAZIONEil primo step del mio metodo consiste nel fare una attenta e mirata valutazione. Chi ben inizia è a metà dell’opera e per me un buon inizio è proprio questo: capire su quali strutture intervenire ed in che modo.
2. CURA DEL DOLORELa cosa che spinge il paziente a ricorrere al fisioterapista nella maggioranza dei casi è il dolore. E diciamocelo: è proprio quando non riuscite a sopportare più il dolore che venite a bussare alla porta!
Dunque la mia maggiore preoccupazione nelle prime 3 sedute è che si sperimenti una notevole riduzione del dolore.
3. RECUPERO DEL MOVIMENTOQuando il paziente avverte meno dolore è anche più predisposto al movimento: mobilizzazioni passive e chinesiterapia passiva/ attiva, rieducazione del ‘ritmo’ di un movimento, recupero del gesto atletico sono le modalità con cui mi occupo di recuperare la motricità in ogni sua componente (forza, coordinazione, precisione). Con le dovute accortenze faccio partire questa fase molto precocemente così da ridurre i tempi di recupero e rendere da subito più attivo il paziente.
4. EDUCAZIONE E MANTENIMENTO DEL RISULTATOHo sempre pensato che la riabilitazione fosse anche un percorso di apprendimento, un’occasione per la persona per imparare di più sul proprio corpo, prendere consapevolezza delle modalità con cui il suo essere si realizza nel mondo attraverso il corpo. Quindi mi preoccupo molto di educare il paziente per evitare recidive e gli insegno sempre dei movimenti o degli esercizi che possono servirgli per mantenere lo stato di benessere.

Fisioterapista specializzata

La mia professione come fisioterapista professionista della riabilitazione è il risultato di un percorso universitario che mi ha portata a laurearmi in Fisioterapia nel 2011, presso l’università Federico II di Napoli, e a conseguire la Laurea Magistrale per le professioni sanitarie nel 2014 presso lo stesso ateneo.
Dal 2011 è iniziato anche il mio percorso di fisioterapista tirocinante presso una clinica di riabilitazione neurologica e neuromotoria e contemporaneamente presso uno studio privato dove, in un contesto molto stimolante, è iniziata la mia formazione pratica e che mi ha portata, dopo quattro anni  ad aprire il mio studio di fisioterapia. 
la mia carriera universitaria si completa con una serie di corsi di formazione volti ad acquisire conoscenze teorico- pratiche sul trattamento del paziente con disabilità neuromotorie e del paziente con disturbi muscolo- scheletrici . Ho approfondito la conoscenzadella biomeccanica e della terapia manuale,dei distubi cranio- cervicali, mandibolari e del complesso articolare della spalla. Grazie alla passione che nutro per questa professione la mia formazione è in continuo divenire.

Come scegliere il fisioterapista
Attenzione alla scelta del fisioterapista: in gioco c’è la tua salute. Pondera bene a chi affidarti e accertati che il professionista sia certificato, in possesso di laurea e percorso di specializzazione.


La formazione accademica, infatti, è un requisito indispensabile per stabilire la preparazione in fisioterapia. Perché affidarsi a un dottore certificato è una sicurezza imprescindibile per la riuscita dei trattamenti e il recupero della salute.


A questo proposito è bene precisare che dal 1999 la formazione in fisioterapia è di competenza delle Università.
Il percorso accademico rientra nella classe delle professioni sanitarie della riabilitazione SNT/02, all’interno delle Facoltà di Medicina e Chirurgia.
Inoltre il DM 13 marzo 2018 ha istituito l’albo delle professioni sanitarie della riabilitazione al quale sono iscritta con num.2152
Di cosa si occupa il fisioterapista?
Il fisioterapista si occupa di prevenzione, cura e riabilitazione di problemi ortopedici e neurologici. 


Presso lo studio Cefisio puoi rivolgerti per:
visite di valutazione funzionale, riabilitazione motoria, ortopedica e post operatoria;
massaggi;
terapie manuali;
chinesiterapia;
pompage articolari;
riabilitazione geriatrica, neuromotoria e sportiva;
Tecar terapia;
taping neuromuscolare;
mobilizzazione articolare;
elettroterapia;
massoterapia.